Vivere non Sopravvivere

La scuola per tutti. Un unico motto che racchiude tutto quello che una suola dovrebbe rappresentare. L’inclusione e l’integrazione di tutti gli alunni, non solo accogliendo le singole diversità, ma valorizzandole e utilizzandole non più come ostacoli da superare, bensì come punti di partenza su cui lavorare per la crescita del singolo individuo e dell’intero gruppo scolastico. È essenziale il coinvolgimento di tutti i bambini in progetti comuni che li portino a collaborare e a rendere gli uni indispensabili per gli atri. L’intenzione è quella di abbattere il pregiudizio del bambino disabile come soggetto passivo e renderlo capace di collaborare autonomamente a progetti e attività atti a sviluppare la creatività e le attitudini di ogni risorsa. Bisogna valorizzare in modo equo tutti gli alunni, attuando cambiamenti che portino beneficio a tutti e vedendo ogni differenza come risorsa per il sostegno all’apprendimento e non più come un problema da superare. Creare una scuola in cui non toccherà più al bambino di doversi adattare all’ambiente ma sarà l’ambiente ad adattarsi ad ogni esigenza del bambino.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Post a comment