Famiglia Ferita

La nascita di un figlio disabile e la famiglia “ferita”, fase di shock iniziale, di disperazione, di riorganizzazione e adeguamento. Le reazioni dei membri della famiglia sono diverse, la madre, non a caso si parla di “maternità ferita”, il padre ha profili diversi. Il tutto può creare un evento troppo stressante e può costituire una minaccia, un bambino disabile può, anche e soprattutto senza volere, portare crisi nell’ambiente familiare ed il sostegno dovrebbe arrivare dalla società in cui si vive. Sostegno ai genitori nell’elaborazione del dolore, supporto nel confronto con le sfide educative, ascolto dei genitori spesso dei veri e propri esperti condividendone un progetto educativo in tutti i suoi principi, sostegno ai percorsi riabilitativi ma anche rifiuto dell’accanimento riabilitativo, dare fiducia nelle proprie capacità genitoriali cioè offrire un modello di relazione educativa. Purtroppo inutile evidenziare che con la nascita di un bambino disabile, si stravolge l’esistenza dell’intera famiglia per questo il mondo dove viviamo deve prendere per mano i genitori e accompagnarli, indirizzarli e soprattutto sostenerli alle mille difficoltà che andranno ad incontrare lungo il cammino della vita. Si può fare, si deve fare.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Post a comment